Lucca virtuale

Da molti anni mi sono avvicinata ad Internet, dapprima con grande timore: mi ero accorta che dentro c’era il mondo, ma si rischiava di giudicarlo reale, e non virtuale qual è. Poi il timore della bolletta, il telefono occupato… era un’ansia continua. Infine è arrivato l’Adsl, e… il difficile è staccarsi. Così, mi capita di andare a zonzo per la rete, quando per studio quando per lavoro quando per divertimento: ne ho visti, a tutt’oggi, di siti! E specialmente da quando sto lavorando al mio, li sto osservando con più attenzione, noto la passione che anima il webmaster (si dirà l’webmaster? Lo webmaster? Boh!?), l’arte della grafica, come un bel quadro, come una poesia… Ce ne vuole, chi ci ha provato lo sa, a fare un sito, ma a farlo anche artistico, allora è un altro paio di maniche!

L’altro giorno, alle prese con una pagina delle mie, occhi iniettati di sangue, crisi isteriche all’ennesima pedata nel didietro, sapete quando ti butta fuori senza spiegarti cosa hai fatto di male, e tu non hai salvato il lavoro…? insomma, stavo cercando un link con Lucca, città dove mi sento a casa, nel calore della famiglia, dove vivo quando non sto in Sardegna, così lontana, altro che fuori le mura… e ho trovato questo: http://luccavirtuale.it . Dice: “Inizia la visita da una delle porte…” ed io ho preso Porta San Pietro, quella vicina a casa mia. Ero pronta a ritrovarmi davanti al Duomo d’un balzo solo, mai mi aspettavo, seduta ad Alghero davanti al computer, di camminare per via Garibaldi, girare in via del Molinetto, la finestra del mio salotto era anche aperta… andare a trovare gli amici, fare un bel giro di mura… e tutto in compagnia della guida! Ti spiegano tutto, ad ogni passo che fai, e a volte nemmeno mio marito, lucchese purosangue, certe cose le sapeva…! “Vieni a vedere questo..” lo chiamavo, “e quest’altro!” “Andiamo a trovare Paolo?”…

Sono andata anche a cercare altre città virtuali: Parigi, non l’ho mai vista! E il meglio che ho trovato è questo: http://www.net-cities.com/index-Italian.html : un abisso, un abisso di differenza! E allora mi è sorto spontaneo dal cuore, un gran bisogno di dire “grazie” a questi…ragazzi?….che hanno fatto un lavoro così certosino; li ho anche “trovati” in un articolo: http://www.luccavirtuale.it/rubriche/stampa/nazione_16_2_2000.htm

Gliel’ho scritto, del piacere che mi hanno dato e della commozione che mi hanno fatto provare, e in questo specifico momento della mia vita, ne avevo proprio bisogno!

Bene: mi hanno anche risposto! E ringraziato! E dichiarato la loro amicizia! Sì, cari ragazzi, siete proprio speciali!

 La vostra amica

 Daniela Santerini

Articolo letto (205) volte

Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>